Aree di ricerca

Il Centro si configura come luogo di ricerca pura e applicata, di formazione, di public engagement mediante la diffusione degli studi che fanno del territorio la propria vocazione, sotto molteplici punti di vista Esso ha ampiamente acquisito credibilità e notorietà nella ricerca teorica e applicata, di produzione di servizi nel campo della complessa realtà territoriale bergamasca e lombarda, declinata nelle sue espressioni multidisciplinari, così come in contesti territoriali stranieri, tra i quali un’attenzione particolare ha rivestito l’Africa Subsahariana grazie alle ricerche condotte dal CST-DiathesisLab.

Il Centro, avvalendosi delle varie componenti interne e degli apporti specialistici esterni, si propone di fornire un monitoraggio costante delle problematiche del territorio, per dare risposte di gestione e valorizzazione alle esigenze manifestate dai diversi Enti e committenti, pubblici e privati.

La vocazione del Centro è di fornire servizi di intervento e di formazione di alto livello, in molteplici e coerenti campi:

  • protezione ambientale e conservazione del paesaggio
  • elaborazione di strumenti di pianificazione territoriale
  • ricerca storica-cartografica-iconografica
  • utilizzo dei sistemi informativi geografici ed erogazione di corsi per il loro apprendimento
  • processi partecipativi per la governance territoriale
  • studio dell'armatura culturale del territorio come patrimonio di beni e come matrice di identità (heritage, beni culturali, architetture, archeologia industriale, ecc. ...)
  • concorso alla costruzione di una cultura del territorio conforme alle istanze del nostro tempo, con attenzione particolare all'aspetto educativo e formativo
  • studio dei problemi della mobilità, con riferimento alla circolazione delle persone e delle merci, alle infrastrutture relative alla qualità della vita della città e del territorio
  • costruzione di percorsi culturali in rapporto ai luoghi, all'uso delle risorse, alle forme di fruizione turistica
  • studi di sostenibilità e di economia alternative
  • raccolta di banche dati relative alla biodiversità
  • costituzione di un fondo bibliografico specialistico e di bibliografie settoriali.